Perché Sanremo è Sanremo… anche con il Covid

Da inizio pandemia ad oggi, sono stati tanti i cambiamenti e le sorprese apportate alla nostra quotidianità e alle nostre abitudini.

Tra questi anche la possibilità di rinunciare alla trasmissione annuale in diretta su Rai 1 e in Eurovisione, del nostro e sempre discusso Festival di Sanremo.

Ma come annunciato in questi giorni, la manifestazione canora, ci sarà e per la prima volta sarà trasmessa non a febbraio, come siamo abituati a guardarla ma, a marzo, rispettivamente dal 2 al 6.

Clara Gambino

La stessa sarà condotta da Amadeus che, in contemporanea adotterà anche le vesti di direttore artistico e, sarà affiancato, per la seconda volta consecutiva, da Fiorello.

La novità eclatante di questo anno e nella storia del Festival della canzone Italiana, in diretta dal teatro Ariston di Sanremo (IM) sarà quella di non essere assistito dal pubblico in platea.

Infatti avrà la totale assenza di spettatori che, in queste 5 serate, avrebbero sfoggiato i migliori vestiti di gala e pagato tutto l’oro del mondo per farne parte, almeno in una puntata.

Il settantunesimo festival della musica italiana nel rispetto del contenimento della pandemia di Covid-19, non avrà quindi spettatori in seduta ma solo dalle poltrone di casa.

La co-conduttrice (ancora incerta se per tutte e cinque le serate) del festival sarà Matilda De Angelis, attrice rivelazione dell’anno (2016) che, ha esordito nella serie televisiva RAI Tutto può succedere ma divenuta famosa nel film con Accorsi, Veloce come il vento, inspirato alla vita dell’ex campione italiano di rally, Carlo Capone,  e resa celebre anche fuori dal contesto italiano, soprattutto grazie alla serie tv, in onda su Sky, al fianco di Nicole Kindman e Hugh Grant- The Undoing.

Gli ospiti “fissi” di questa stagione saranno il sobrio Achille Lauro, il pacato Zatlan Ibrahimovic , la cantante Elodie, magari ad attenderla in camerino ci sarà il suo compagno Fabio Bartolo Rizzo, meglio noto come Marracash e, la modella icona degli anni ’90, Naomi Campbell che, insieme, avranno il ruolo di vallette.

Voci di corridoio o di sipario, confermerebbero ma non dichiarerebbero per certo anche la presenza della moglie di Amadeus, Giovanna Civitillo.

Invece tra gli ospiti di “passaggio” ci sarebbero i nomi di Fiorella Mannoia e di Vanessa Incontrada, di Ornella Vanoni, invece confermata in queste ore, Gerry Scotti, Emma e Alessandra Amoroso, il ritorno degli 883 e, del per niente discusso e poco bello ma, per certo turco, Can Yaman, ancora in soggiorno in Italia.

Ma è tutto ancora da ultimare.

Insomma, meglio sedersi sul divano di casa e vedere puntata dopo puntata cosa ci riserverà Sanremo 2021.

Come sempre assisteremo a due gare canore, i Giovani ed i Big.

Tra le nuove proposte ci sono i nomi di: Avincola, Davide Shorty, Dellai, Elena Faggi, Folcast, Guaduiano, Greta Zuccoli, Wrongonyou.

Tutti esordienti.

La sezione campioni vedrà i nomi, invece, di: Aiello, Annalisa, Arisa, Bugo, Colapesce e Dimartino, Coma-Cose, Ermal Meta, Extraliscio feat. Davide Toffolo, Fasma, Francesca Michelin e Fedez, Francesco Renga, Fulminacci, Gaia, Ghemon, Gio Evan, Irama, La Rappresentante di lista, Lo Stato Sociale, Madame, Malika Ayan, Maneskin, Max Gazzè e La Trfluoperazina Monstery Band, Noemi, Orietta Berti.

Random, Willie Peyote.

Tutte e cinque le serata avranno la stessa scaletta di gara, degli scorsi anni.

Il venerdi prima della finale, sarà proclamata la vittoria del cantante o gruppo in gara nella categoria giovani, il sabato seguente, assisteremo al podio e quindi vittoria del Big.

E come di consueto, il vincitore rappresenterà l’Italia all’Eurovision Song Contest (2021) che si terrà a Rotterdam.

Alcune indiscrezioni, anche se non ci è consentito saperlo ma, solo attraverso gli stessi che hanno fatto domanda, trapelano dei nomi di Big che sono stati esclusi dal Festival 2021, quali Morgan, Mr Rain, Mietta, i Nomadi, Tiromancino, Marco Carta, Albano Carrisi, Jalisse, Zero assoluto, Anna Oxa, Giusy Ferrei, The Kolors.

Ciò che conterà di eseguire la nuova edizione della manifestazione sanremese,  sarà quella di voler mettere in atto un festival nazionale e non propriamente internazionale, vedendo sul palco scenari e personaggi italiani.

Che sia di aiuto ad un settore completamente a terra a causa delle dovute restrizioni anti-covid.

Diventando così il simbolo di ripartenza del mondo dello spettacolo.

Quello maggiormente più colpito a causa delle restrizioni dovute alla pandemia.

Vedremo insieme cosa ci riserverà l’edizione di questo festival, facendo un resoconto delle serate andate in onda.

Le scommesse sono aperte.

Taccuini e paletta da giuria alla mano, riscaldiamo la voce, ma in questo caso la tastiera del pc,  Impresinforma è pronta a tenervi aggiornati per il dopofestival.

L’articolo Perché Sanremo è Sanremo… anche con il Covid proviene da ImpresInforma.