Le manifestazioni degli studenti troppo a lungo ignorati.

La questione: “riapertura delle scuole, sì o no?” oramai torna sulla bocca di tutti una volta al mese.

Mentre la politica si divide tra chi usa la retorica per spiegare come opporsi alla riapertura equivale a negare agli studenti il diritto all’istruzione e chi ritiene che la priorità della riapertura andrebbe data alle strutture che permettono all’economia di continuare a sostenere il paese e le famiglie, gli studenti sembrano sempre più insofferenti alla situazione e sempre più pronti a protestare.

Armati di megafono e striscioni, ragazzi e ragazze scendono in piazza, chiedono com’è possibile che l’argomento riapertura e tutela degli studenti non sia MAI stato prioritario per i parlamentari durante tutta l’estate, ricordano al governo della promessa della costruzione di più autobus per evitare che il virus si diffonda durante il viaggio di andata e ritorno da scuola e urlando quanto sia assurdo che di 196 miliardi del recovery fund soltanto dieci vengano destinati all’istruzione e nove alla sanità.

Federico Malcotti

Peccato che le stesse proteste mirate a far passare il messaggio: “Vogliamo che il governo mantenga le promesse fatte per farci tornare a scuola in sicurezza.” stiano venendo recepite dal ministero dell’istruzione e diffuse dai media come un: “vogliamo tornare a scuola a prescindere.”

Per permettere una efficace riapertura delle scuole in sicurezza sarebbe stata necessaria una preparazione che impegnasse il governo per tutta l’estate e che avvenisse con la collaborazione di tutti i partiti. Invece adesso, in un periodo in cui la sola maggioranza sta dimostrando di essere tutto fuorché unita, la “riapertura in sicurezza”, per quanto desiderata da tutti, sembra impossibile.

L’articolo Le manifestazioni degli studenti troppo a lungo ignorati. proviene da ImpresInforma.