FONDO NUOVE COMPETENZE: L’UNIONE EUROPEA RIFINANZIA IL FONDO PER IL 2022

Ottime notizie dall’Unione europea in merito al rifinanziamento del Fondo Nuovo Competenze.

Si tratta di un’ingente misura di 4,7 miliardi di euro di fondi ReAct-Eu, che copriranno:

il Fondo Nuove Competenze 2022le politiche attive del lavoroil programma Golil potenziamento dei centri per l’impiego

 L’Anpal in una nota ha specificato che “la Commissione europea ha adottato la decisione di approvazione della riprogrammazione del Pon Spao a valere sulle risorse del Programma React-Eu, sarà possibile nelle prossime settimane rifinanziare il Fondo.”

avv.Marco Romano

Insomma, è un’occasione da non perdere per le PMI, considerato che si tratta di una misura di  sostegno alla formazione interna del personale con spese praticamente prossime allo zero.

Ma cos’è il Fondo Nuovo Competenze?

È un fondo pubblico cofinanziato dal Fondo sociale europeo, nato per contrastare gli effetti economici dell’epidemia Covid-19.
Permette alle imprese di adeguare le competenze dei lavoratori, destinando parte dell’orario alla formazione.
Le ore di stipendio del personale in formazione sono a carico del fondo, grazie ai contributi dello Stato e del Fse – Pon Spao, gestito da Anpal.

Cosa serve per accedere al Fondo Nuove Competenze?

 Ogni azienda deve presentare:

l’accordo collettivo per la rimodulazione dell’orario di lavoropresentare la domanda di contributo

L’accordo collettivo di rimodulazione dell’orario di lavoro è piano di formazione del personale che ogni azienda vuole attuare. 

Ogni piano prevede:

il progetto formativoil numero dei lavoratori coinvoltiil numero delle ore di formazione

L’Anpal ha poi comunicato la riapertura della fase istruttoria per le domande di accesso al fondo “congelate” nei mesi estivi.

Le domande saranno analizzate in ordine cronologico con l’istruttoria delle istanze presentate fino al 25 maggio 2021.

L’articolo FONDO NUOVE COMPETENZE: L’UNIONE EUROPEA RIFINANZIA IL FONDO PER IL 2022 proviene da ImpresInforma.