Certificazione della parità di genere scadenza al 30 Settembre 2022 per l’invio del rapporto biennale

La legge 5 novembre 2021 n. 162 che ha modificato il codice delle pari opportunità tra uomo e donna, ed a seguito dell’emanazione del Decreto Interministeriale del 29 marzo 2022 che ha definito le modalità per la redazione del rapporto sulla situazione del personale maschile e femminile da parte ponendo l’obbligo di invio alle aziende con più di 50 dipendenti.. Va precisato che il rapporto deve essere redatto sia in relazione al complesso delle unità produttive e delle dipendenze, sia in riferimento a ciascuna unità produttiva con più di 50 dipendenti.

dott.Lino Fiscarelli

Entro il prossimo  30 Settembre 2022 relativo al biennio 2020-2021 le aziende sia Pubbliche che Private interessate, dovranno inviare per il tramite di un applicativo messo a disposizione sul portale https://servizi.lavoro.gov.it,  il prospetto contenente le informazioni riguardanti sul numero complessivo occupati e occupate fino al 31/12/2021, i lavoratori occupati in CIG Sempre fino al 31/12/2021,  i processi di reclutamento e selezione del personale, così come sulle procedure utilizzate per l’accesso alla qualificazione professionale e alla formazione manageriale, nonché i criteri adottati per le progressioni di carriera. Le aziende dovranno inoltre fornire informazioni riguardo gli strumenti e le misure adottate in ambito lavorativo per promuovere la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro nonché le politiche aziendali intraprese per garantire un ambiente di lavoro inclusivo.

Verrà richiesto di indicare un’altra serie di informazioni come l’utilizzo dello smart-working, o banca ore , il supporto alla genitorialità (nidi aziendali, contributi o convenzioni per attività extra scolastiche) , per quanto attiene all’ambiente di lavoro il legislatore richiede di indicare l’esistenza il coinvolgimento dei lavoratori alla attività ricreative e culturali, l’inserimento in organico di figure manageriale come il disability manager.

Per le aziende virtuose che volessero richiedere la Certificazione di parità UNI/PdR 125:2022 viene accompagnata una “Premialità di parità” per l’anno 2022, consistente in un incentivo sotto forma di esonero contributivo determinato in una misura non superiore all’un per cento e nel limite massimo di 50.000 euro annui par ciascuna azienda in possesso della certificazione per l’intero anno 2022, premialità nella partecipazione a bandi italiani ed europei

Al termine della redazione di tutte le sezioni verrà rilasciata un a ricevuta attestante la corretta redazione del rapporto ed il salvataggio dello stesso equivale a trasmissione del rapporto al consigliera/e regionale delle pari opportunità.

È utile ricordare che La mancata o tardiva trasmissione del rapporto comporta una sanzione pecuniaria da 516,46 euro a 2.582,28 euro e se il ritardo si protrae oltre i 12 mesi, questo comporta anche la sospensione dei benefici contributivi eventualmente fruiti dall’azienda per un periodo di un anno. Anche la trasmissione mendace o incompleta del rapporto comporta una sanzione pecuniaria da un minimo di 1.000,00 ad un massimo di 5.000,00 Euro.

L’articolo Certificazione della parità di genere scadenza al 30 Settembre 2022 per l’invio del rapporto biennale proviene da ImpresInforma.